Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito web.
Utilizziamo inoltre cookie di profilazione e altri strumenti di tracciamento per offrire un'esperienza di navigazione migliore e, attraverso terze parti, offrire l'integrazione con piattaforme online per fornire contenuti e raccogliere dati statistici.
Ti invitiamo a leggere l'informativa sui cookie e l'informativa sulla privacy per tutti i dettagli.
In qualsiasi momento puoi modificare o revocare il tuo consenso cliccando qui.
La chiusura di questo banner comporta il permanere delle impostazioni di default e la continuazione della navigazione utilizzando i soli cookie tecnici.

Tecnici (Necessari)
Preferenza
Statistica
Marketing

Accetta tutto Solo selezionati Rifiuta tutti
LIMONE QUATTRO STAGIONI(CITRUS LIMON)
LIMONE QUATTRO STAGIONI(CITRUS LIMON)
LIMONE QUATTRO STAGIONI(CITRUS LIMON)
LIMONE QUATTRO STAGIONI(CITRUS LIMON)
LIMONE QUATTRO STAGIONI(CITRUS LIMON)
LIMONE QUATTRO STAGIONI(CITRUS LIMON)
LIMONE QUATTRO STAGIONI(CITRUS LIMON)
LIMONE QUATTRO STAGIONI(CITRUS LIMON)
LIMONE QUATTRO STAGIONI(CITRUS LIMON)
LIMONE QUATTRO STAGIONI(CITRUS LIMON)

LIMONE QUATTRO STAGIONI
(CITRUS LIMON)

23,00€

Portamento

ALBERO VIGOROSO, ABBASTANZA RUSTICO,SEMPREVERDE

Esposizione

PIENO SOLE, EVITARE L'OMBRA PERMANENTE

Altezza massima

5 METRI IN PIENA TERRA

Caratteristiche

RESISTE FINO A 5 C°

Terriccio

IDONEO PER AGRUMI

Innaffiatura

LASCIARE ASCIUGARE IL TERRENO TRA UNA BAGNATURA E L'ALTRA

Concimazione

DA FEBBRAIO A NOVEMBRE CON APPOSITO CONCIME PER AGRUMI

Potatura

APRILE-GIUGNO

Frutto ovale con polpa succosa, buccia butterata, rifiorisce regolarmente, fioritura profumata

Potatura:
Il periodo migliore per potare un limone è dopo la fine dell'inverno e passate le temperature rigide, ovvero tra aprile e giugno.
Con un'accurata potatura possiamo favorire l'emissione di getti giovani e pronti a produrre nuovi frutti
La potatura ideale consiste nello sfoltire la chioma dopo la fioritura, privandola di rami:
-secchi;
-molto vecchi e legnosi
-malati
-spezzati
-che curvano verso il basso

Le malattie più comuni del limone:
Marciume del colletto o gommosi
La patologia del marciume del colletto detta anche gommosi è determinata da funghi del genere Phytophthora, che causano la formazione di macchie umide sulla corteccia dell'albero.Da queste macchie escono degli essudati gommosi che arrivano a colpire anche le radici. Le foglie ingialliscono e i frutti restano piccoli.
Il rimedio:
La prevenzione è sempre il miglior rimedio: nel periodo autunnale-invernale, e soprattutto alla fine dei periodi di pioggia, ma solo quando le piante non hanno fiori, è buona norma utilizzare i prodotti rameici diluiti in acqua e fare i trattamenti mirati
In caso di infestazione in corso, è necessario prima di tutto eliminare le parti colpite della pianta e bruciarle, alleggerire il terreno se troppo argilloso e disinfettarlo con sali di rame e di ferro. Inoltre è utile spennellare il tronco con un prodotto rameico diluito in acqua.

Mal secco
ll mal secco è una malattia fungina che porta a decolorazioni e ingiallimenti delle foglie e disseccamento dei rami, partendo da quelli più esterni.
Il rimedio:
Le parti infette devono essere asportate e bruciate; per prevenire la malattia è utile trattare le piante con estratto di propoli o con della pasta per tronchi. Per trattamenti con infezione in corso si può ricorrere a composti rameici che possono essere utilizzati anche come strumento preventivo.

Batteriosi
La batteriosi più dannosa è causata da Pseudomonas syringae e si manifesta con macchie scure sulle foglie, da cui possono fuoriuscire essudati gommosi. L’infezione ne causa l'accartocciamento, mentre sui frutti si possono notare delle tacche brune e scure.
Il rimedio:
Può essere prevenuta e contenuta con trattamenti rameici come ossicloruri, idrossidi di rame e poltiglia bordolese, sempre tenuto conto che questi prodotti non devono essere spruzzati sulle piante in fioritura. Se la batteriosi si sviluppa quando le piante sono in fioritura, esistono in commercio prodotti specifici da usare che non facciano cadere i fiori (la caduta dei fiori causerebbe la mancanza di frutti)


Fumaggine
Fungo saprofita che non infetta direttamente le foglie ma si attacca alla melata di afidi e cocciniglie, provocando l'annerimento della lamina fogliare. In questo modo il processo della fotosintesi viene ridotto.
Il rimedio:
La difesa deve avvenire sugli insetti che ricoprono di melata la pianta, trattando quindi contro gli afidi con del sapone di Marsiglia, del sapone molle, estratto di ortica, oli vegetali4

Virus della Tristeza
La pianta infetta manifesta riduzione di sviluppo, perdita delle foglie e disseccamento dei rami. Ne sono suscettibili soprattutto le piante innestate su arancio amaro, pompelmo o limetta dolce.
Il rimedio:
Non ci sono cure dirette contro questa virosi, anche la lotta chimica si rivela poco proficua: i vettori di questo virus sono gli afidi, di conseguenza la lotta deve essere condotta nei loro confronti.

Iscriviti alla nostra newsletter!

Azienda Florovivaistica Porcella Marco Via Nazionale, 132 - Pogli d'Ortovero (SV) - P.IVA 01149230094 C.F. PRCMRC78D06A145H
Grafica, webdesign e seo: Studio Orasis design